Tu sei qui: Portale Rubriche Workshop Loredana Ficarelli, con Graziella Fittipaldi e Francesco Scricco, hanno partecipato alla X edizione dei workshop internazionali di progettazione IUAV-Venezia

Loredana Ficarelli, con Graziella Fittipaldi e Francesco Scricco, hanno partecipato alla X edizione dei workshop internazionali di progettazione IUAV-Venezia

— archiviato sotto:

Nei giorni dal 27 giugno al 15 luglio 2011 si è svolto, presso lo IUAV, il WAVE 2011, decima edizione dei Workshop Internazionali di Architettura. Tra i docenti invitati, la professoressa Loredana Ficarelli che, con la collaborazione degli architetti Graziella Fittipaldi e Francesco Scricco, ha guidato un workshop dedicato al tema dell’”Architettura Contemporanea Alpina”, concentrandosi sull’area della Val di Cadore ed il comune di Vinigo nello specifico.

Complessivamente, la manifestazione ha visto la partecipazione di 2000 studenti dell’istituto veneziano; guidati da 30 architetti-docenti di fama internazionale, gli studenti si sono concentrati sul tema generale dell’”Urban Regeneration”, declinato in differenti siti di interesse strategico.

Il tema progettuale individuato dalla professoressa Ficarelli, riferito all’architettura contemporanea e posto all’interno di un contesto particolarmente singolare, sia dal punto di vista paesaggistico ed ambientale che della tradizione costruttiva, è sempre stato un argomento fra i più frequentati e stimolanti del dibattito architettonico contemporaneo.

Tale tema è stato adottato quindi come pretesto per affrontare problematiche legate più in generale all'architettura. La casa come organismo architettonico inteso sotto l'aspetto dell'unità e sintesi delle componenti, la forma, la distribuzione, la struttura, la leggibilità.

La strutturazione del workshop ha previsto una articolazione per fasi successive, la prima delle quali si è svolta attraverso lezioni ed esercitazioni tese a fornire agli studenti i mezzi atti a costruire, attraverso l’analisi di una serie di esempi, un "repertorio" sul quale procedere ad una analisi comparata delle parti e degli elementi che hanno costituito la base per l’aggiornamento tipo/morfologico della casa alpina. Si è pertanto costituito un abaco relativo a: spazio (forma e funzione, proporzioni, rapporti numerici, partiture); parti (basamento, elevazione, coronamento, nodi tettonici); elementi logico/formali (accessi, bucature, aggetti, tetti, solai, scale, camini); elementi tecnici (materiali, sistemi costruttivi, tecnica e forma).

La fase successiva è stata interamente dedicata al progetto di una nuova “casa alpina” che, attraverso un approccio multidisciplinare, ne ha previsto:

- l’aggiornamento tipo-morfologico: inserendosi nel processo di trasformazione e rifunzionalizzazione che ha prodotto il passaggio dagli usi connessi alla produzione agricola ed all’allevamento a quelli residenziali, ci si è posti l’obbiettivo di elaborare nuovi modelli tipologici per la casa;

- l’aggiornamento costruttivo: recupero delle tecniche costruttive tradizionali (blockbau/strickbau, a traliccio, in muratura), conciliandole con l’introduzione di nuovi materiali, in particolare nell’ottica dell’adeguamento ai principi della efficienza energetica e bioclimatica, perseguendo l’obbiettivo della casa a bassa emissione ed energeticamente autosufficiente.

Divisi in gruppi, gli studenti hanno elaborato nove varianti progettuali sui temi della casa lineare, della casa in muratura portante con estroflessioni lignee-leggere, della casa con uno spazio centrale predominante; il tutto ha trovato conclusione con l’allestimento dello spazio espositivo, che ospitava le tavole ed i plastici realizzati.

La mostra conclusiva sarà visitabile dal 15 al 25 luglio, da lunedì a sabato, presso le sedi IUAV di Santa Marta ex-cotonificio e dei Magazzini Ligabue. 

Per approfondimenti:

 

PHOTOGALLERY

Azioni sul documento

    facebook      youtube


 

 

Logo SSBAP